“Ca’ dell’ureggia”! A Milano, anche i palazzi hanno orecchie.

Sapete che cosa vuol dire? Dai, non è difficile… Letteralmente “Casa dell’orecchio”.

Dietro corso Venezia, in un contesto liberty, in via Serbelloni 10 si può ammirare il primo citofono milanese. L’opera è stata realizzata dallo scultore Adolfo Wildt (maestro di Fontana) nella seconda metà degli anni venti, un grande orecchio di bronzo, con tanto di padiglione auricolare e condotto uditivo esterno, alto più di una spalla e corredato di ciocche di capelli ricciuti. Si parlava attraverso l’orecchio con la portineria, e il custode procedeva a chiamare la famiglia risiedente, ora non più in funzione. Incastonato nel palazzo Sola-Busca ribattezzata popolarmente “Ca’ de l’ureggia”, progettato dall’archietetto mantovano Aldo Andreani.

Un’altro orecchio lo si può ammirare nelle vicinanze del cinema Gnomo, non è un’altro citofono, ma l’opera di un artista che avvisa “Zona Audio Sorvegliata”!

Annunci

5 risposte a ““Ca’ dell’ureggia”! A Milano, anche i palazzi hanno orecchie.

  1. Pingback: Non sono le solite 10 cose da vedere a Milano.. | CoseStraneaMilano·

  2. Pingback: La Primavera torna sempre | UNA VITA IN DISORDINE·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...